CHIOSCO LIE TO ME

Il chiosco che usa l’intelligenza artificiale per individuare i bugiardi negli aeroporti

Traduzione dell’articolo di Wanda Thibodeaux “This Artificial Intelligence Kiosk Is Designed to Spot Liars at Airports ” edito da www.inc.com

Alexa, auto che si guidano da sole, processi di selezione dei candidati. L’intelligenza artificiale sta rapidamente diventando la norma nel mondo del business. Ma potrebbe anche iniziare a giocare ruoli ben più importanti nella sicurezza, aiutando le forze dell’ordine e altri i servizi di security rilevare eventuali malintenzionati. Come riporta Fredrick Kunkle di The Washington Post, ora c’è un chiosco con intelligenza artificiale progettato per rilevare se i viaggiatori siano in “agitazione innaturale” e potenzialmente bugiardi.

 

AVATAR

Progettato da Aaron Elkins, professore del Fowler College of Business Administration presso la San Diego State University, il nuovo rilevatore di bugie digitale si chiama Automated Virtual Agent for Truth Assessments in Real Time, o AVATAR in breve.

Una volta scansionato il documento d’identità o il passaporto, il chiosco procede nel sottoporre il passeggero a una serie molto lunga di domande. I quesiti riguardano elementi comuni della vita di tutti i giorni o anagrafici (quando sei nato, come ti chiami, il tuo cibo preferito) e domande che ti potrebbero sondare la credibilità della persona (ad esempio, descrivi cosa hai fatto oggi). Ecco un video esemplificativo:

 

Se tutto va bene, il personale di sicurezza dovrebbe lasciar andare il passeggero senza problemi, ma se il programma di intelligenza artificiale riscontra anomalie comportamentali, il personale trattiene il viaggiatore per un interrogatorio o un’ispezione.

 

Come fa l’intelligenza artificiale rilevare i bugiardi

Mentre una persona risponde alle domande di AVATAR, il sistema utilizza alcuni sensori per raccogliere i dati non verbali emessi dal soggetto. Più nello specifico, il sistema esamina fattori quali la voce (tono, uso del pronome, ecc.), la dilatazione della pupilla e il movimento degli occhi, le espressioni facciali e la postura. L’ipotesi teorica alla base del sistema verte sul fatto che chi è sincero sia meno stressato (in ansia) di chi mente, poiché il bugiardo spende molta energia mentale ed emotiva per cercare di controllarsi. Analizzando questi elementi comportamentali involontari il sistema formula un giudizio, anche se i ricercatori stanno ancora studiando tali elementi sul piano dell’attendibilità scientifica. AVATAR è un grande passo avanti rispetto ai poligrafi tradizionali, che sono inutilizzabili in contesti molto popolati e nel fare rapidamente questo tipo di analisi su larga scala (es. il flusso di visitatori di un aeroporto), e utilizzano parametri fisiologici più macroscopici (ad esempio, frequenza cardiaca) che generalmente non sono considerati molto affidabili.

 

Future applicazioni di AVATAR nel mondo del lavoro

In teoria, AVATAR potrebbe diventare un elemento ampiamente utilizzato dalle forze dell’ordine locali di tutto il mondo, aiutando la polizia a risolvere una serie di conflitti. Ma il suo intento principale è per i controlli di sicurezza alle frontiere e gli aeroporti. Queste strutture sono potenzialmente a rischio a causa del traffico elevato di persone che ogni giorno le popolano, oltre che per le possibili minacce dovute al terrorismo. Sebbene questi tipi di attacchi possano provenire da molti individui o gruppi diversi e possano essere di natura locale o estera, la crescente attività dello Stato islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS) è stata particolarmente allarmante per i leader di tutto il mondo. Gli attacchi hanno portato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ad esempio, a chiedere un controverso divieto di imbarco nei confronti i viaggiatori provenienti da sei paesi a maggioranza musulmana. AVATAR potrebbe un giorno aiutare a schermare individui associati a ISIS o gruppi simili.

In questo momento, AVATAR è ancora nel suo stadio “embrionale” di sviluppo: raccoglie solo dati di ricerca ai valichi di frontiera in Messico e Romania.
Ma, ciò nonostante, è una bella dimostrazione di come la scienza e la tecnologia possano fondersi per il bene comune e la pubblica sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social
Nascondi
Cerca